Il plafond delle carte prepagate: come funziona

Il mondo dell’economia elettronica, per intenderci quella legata al mondo di internet, ha fatto sì che siano state immesse sul mercato innumerevoli proposte di carte di debito prepagate.

Con il termine, plafond carta prepagata si vuol considerare quel valore massimo che il conto della carta prepagata può contenere.

In comune con le normali carte di credito, le carte prepagate, hanno di solito il circuito di appartenenza (Visa o Mastercard, solo per fare due esempi) e la forma fisica, oltre che la tecnologia. Al cuore del sistema, però, le due tipologie di carte sono nettamente diverse.

Le carte prepagate  (quindi con maggiori garanzie per le banche e per gli utenti nel caso di truffe o furto di informazioni), a saldo le seconde (legate ad un conto corrente e con necessità di numerose garanzie che il correntista deve offrire). Le carte prepagate hanno coperto un vuoto, offrendo la possibilità a chiunque di poter effettuare in tutta sicurezza acquisti online, ma anche in negozi fisici, senza aver l’obbligo di avere alle spalle un conto corrente bancario di tipo “tradizionale”, oltretutto senza le spese, spesso onerose, che appartengono tipicamente ai conti correnti bancari.

E in termini di plafond? Come si differenziano?

Innanzitutto bisogna specificare cosa sia il plafond. Nel mondo delle carte di credito a saldo per plafond si intende la cifra mensile massima spendibile con quella determinata carta (cifra che viene calcolata dalla banca in relazione alle garanzie che il correntista è in grado di offrire) e la cifra massima prelevabile agli sportelli ATM. Stesso concetto vale per le carte di debito legate al conto corrente (tradizionalmente conosciuti come “Bancomat”).

Nel mondo delle carte prepagate, invece, con plafond si intende la cifra massima che è possibile caricare sulla carta prepagata.

Una bella differenza, senza dubbio, rispetto alle carte di credito tradizionali, ma giustificata dai costi di gestione pressoché nulli o quanto meno decisamente ridotti.

Il mondo legato alle carte prepagate (conosciute anche come ricaricabili), inoltre, è da suddividere in due sottogruppi distinti: carte ricaricabili e carte conto.

I principali plafond delle carte prepagate

 Carta prepagataBancaPlafond
1One More OrangeBanca Pop Volksbank€ 1.000
2Carige EasyPayYoungBanca Carige€ 1.000
3Carta ChiliCassa di Ris. di Bolzano€ 1.000
4Postepay JuniorPoste Italiane€ 1.000
5MyCash BNLBNL-BNP Paribas€ 1.500
6[email protected] TeenCreval€ 2.000
7Sempre Prepagato WebUbiBanca€ 2.000
8Carige EasyPayBanca Carige€ 2.000
9R-CardRaiffeisen QN!€ 2.000
10Carta [email protected]BMP e MasterCard€ 2.500
11Carta ricaricabile FinecoFinecoBank€ 2.500
12Carta Chiara (Maestro)B.p. Sondrio€ 2.000
13LottomatiCard EasyCartalis€ 2.500
14KaricaBper€ 2.600
15PayUpBper€ 2.600
16VYP Money*Cariparma€ 3.000
17PostepayPoste Italiane€ 3.000
18One MoreBanca Pop Volksbank€ 3.000
19KalibraBpitalia Ducato€ 3.000
20Cariparma MoneyCariparma€ 3.000
21UniCreditCard ClickUnicredit€ 3.000
22TascaBCC€ 3.000
23Sempre PrepagataUBIBanca€ 3.000
24Carta Chiara(Visa)Banca Popolare di Sondrio€ 3.000
25BancoFacileBanca di Sassari€ 3.000
26CartequeBanca di Sassari€ 3.000
27EuroprimaMPS€ 3.000
28Carta Ri-CaricaBanca di Verona€ 3.500
29Carta FlashIntesa-SanPaolo€ 5.000
30[email protected] GoldCreval€ 5.000
31Carta Ego GoCredem€ 5.000
32CartaSì EuraBanca Marche€ 5.000
33Krystal CardBanca MPS€ 5.000
34LottomatiCardCartalis€ 10.000
35PaypalCartalis€ 10.000
36Krystal Best NominativaBanca MPS€ 10.000
37Sella MoneyBanca Sella€ 12.000
38HypeBanca Sella€2.500

 

Le prime sono semplici carte ricaricabili. La ricarica può essere effettuata in contanti presso gli sportelli abilitati (es. Poste) o attraverso altre carte di credito della stessa famiglia o anche di altre tipologie. Da ultimo la ricarica può essere effettuata anche attraverso le app proprietarie.

Normalmente questa tipologia di carte ricaricabili (che per comodità chiameremo “semplici”) hanno plafond nella maggior parte dei casi piuttosto ridotti (nell’ordine di importi che vanno dai 1000 ai 5000 euro), ma ci sono alcuni istituti emittenti che possono far arrivare i plafond di queste carte anche a 12.000 euro. Una cifra più che discreta per poter effettuare acquisti in tutta comodità.

Plafond carte conto

Per quanto concerne le cosiddette carte conto (carte prepagate con IBAN, come un conto corrente reale) la ricarica può essere effettuata in molteplici modi: da un’altra carta della stessa famiglia, attraverso l’apposita app, con un bonifico bancario diretto all’IBAN legato alla carta, in contanti presso appositi sportelli. La carta conto ha, solitamente, plafond differenti rispetto alle carte ricaricabili semplici. Si va, infatti, dai 10.000 ai 50.000 euro di ricarica massima calcolata nel corso dell’anno.

Esistono, inoltre, carte conto gratuite, le quali prevedono limitazioni sia sul plafond che sulla tipologia di operazioni che sarà possibile effettuare. In ogni caso, per queste carte, una volta testate le funzionalità di base, sarà possibile effettuare un upgrade a quelle di categoria superiore e godere, così, di tutti i vantaggi offerti dal plafond di queste carte ricaricabili.

 Carta ContoBancaPlafond
1Conto TascabileChe banca!€ 50.000
2Genius CardUnicredit€ 50.000
3PaypalCartalis€ 10.000
4SpiderMPS€ 10.000
5SuperflashIntesa-SanPaolo€ 10.000
5Postepay EvolutionPoste€ 30.000
6Hype PlusBanca Sella€20.000
VAI ALLE CARTE CONTO GRATUITE >>