Cos’è un Conto Corrente e Come Funziona?

Un Conto Corrente è uno strumento tecnico bancario che permette ai clienti della banca stessa di depositare del denaro all’interno dell’istituto di credito e di movimentare questi soldi (chiamati denaro elettronico) attraverso l’utilizzo di diversi sistemi come: assegni,  bonifici e le carte di debito o credito.

Al giorno d’oggi, la maggior parte delle persone utilizza per movimentare i soldi le carte di debito (più comunemente conosciute come carte bancomat) piuttosto che i vecchi assegni cartacei.

I conti correnti sono lo strumento più facile da usare per la gestione delle spese quotidiane e sono inoltre molto utilizzati  per ricevere dei pagamenti diretti, come per esempio dal proprio datore di lavoro .

Come risultato, giocano un ruolo in prima linea nella nostra vita quotidiana rispetto a qualsiasi altro strumento finanziario . Per molte persone i conti correnti sono la porta d’ingresso nel mondo della finanza personale.

Definizione di Conto corrente

Conti Correnti Bancari: caratteristiche classiche

  • Le carte di debito (chiamata più comunemente Bancomat) permettono prelievi presso gli sportelli bancomat e permetto pagamenti presso gli esercenti abilitati
  • Permettono di avere un primo libretto di assegni
  • Permetto di ricevere pagamenti e accrediti del proprio stipendio
  • Permettono di inviare dei pagamenti tramite bonifico bancario.

Il conto corrente bancario può semplificare la gestione finanziaria quotidiana automatizzando i possibili depositi e pagamenti. I datori di lavoro possono impostare dei pagamenti automatici per il pagamento degli stipendi dei propri dipendenti ad una determinata data del mese. Tutte le bollette delle principali utenze possono essere addebitate direttamente sul conto corrente permettendo di avere un grosso risparmio di tempo. Anche inviare dei soldi ad altre persone è molto più semplice quando si possiede il proprio conto corrente bancario.

Molto spesso le banche per attirare nuovi clienti, attivano delle promozioni conti correnti, che permettono di ricevere ai nuovi correntisti dei premi legati all’apertura del conto, come carte regalo, orologi, dispositivi elettronici e altre premi. Di solito questi premi vengono sbloccati solo al verificarsi di determinate condizioni legate al reale utilizzo del conto come l’accredito del proprio stipendio, l’aver un saldo superiore ad una determinata cifra o richiedere una carta di credito abbinata al conto corrente.

Pur essendo questi benefici molto forti e attrattivi all’inizio, le cose più importanti da considerare con l’apertura di un conto sono le caratteristiche e funzionalità del conto stesso e dei relativi costi.

 

Tipologie di conti correnti bancari

Mentre le caratteristiche principali dei vari conti correnti bancari sono più o meno sempre simili, nella seguente tabella abbiamo voluto riassumere le principali tipologie di conti correnti bancari accessibili sul mercato

Tipo Migliore per … Caratteristiche Restrizioni e svantaggi
Standard  Clienti che vogliono avere un punto di riferimento  fisico a cui rivolgersi per effettuare tutte le operazioni sul conto
  • Operazioni effettuabili attraverso tutte le filiali sparse sul territori
  • Molti di questi conti sono accessibili anche tramite l’home banking
  • Di solito non sono gratuiti
  • Spese per prelievi presso bancomat di altre banche
  • Spese mensili fisse o derivanti dall’utilizzo del conto online
Online Clienti che non hanno bisogno del supporto di uno sportello bancario fisico
  • Costi ridotti
  • Tutte le operazioni effettuabili online
  • Alcuni servizi non sono accessibili in tempo reale (es. richiesta assegni circolari)
Business Liberi professionisti ed aziende
  • Limiti di spesa maggiori rispetto i normali conti correnti
  • Alcuni dispongono di tool utili al monitoraggio delle spese
  • Costi superiori alla media
  • Imposte di bollo superiori
Premium Clienti con la gestione di alti capitali
  • Molti servizi aggiuntivi
  • Interessi sulle somme depositate
  • Valore minimo di soldi depositati
  • Interessi sulle somme depositate bassi

Alcune banche non gestiscono queste tipologie di conti come prodotti separati ma come casistiche particolari degli stessi prodotti, che potrebbero semplicemente essere delle condizioni contrattuali e di costi differenti.

A prescindere dalla sua tipologia, i conti si accomunano per la presenza di un codice identificativo univoco chiamato IBAN.

Costi mensili:  i costi sui conti correnti solitamente variano da quelli gratuiti dei conti online a dei costi che possono arrivare anche a 15 euro mese per quanto riguarda i conti correnti business.  Questi costi non vanno a coprire la famosa imposta di bollo.

Limiti di spesa e di prelievo:  ogni conto corrente bancario ha un limite di spesa generalmente quotidiano associato alla propria carta bancomat. Generalmente si va dai 1000 euro fino ad arrivare sui conti business standard a 4000 o 5000 euro.

Gli importi invece relativi i prelievi tramite sportello bancomat sono di solito inferiori ai precedenti e partono da circa 250Euro ogni 24h fino ad arrivare a qualche migliaio di euro sulla base del conto posseduto.

Dal momento che molti conti hanno dei limiti e non permettono dei pagamenti importanti,  esistono delle carte di credito che permettono di fare questo .

Interessi generati: Infine, alcuni conti correnti permettono anche di maturare degli interessi sui soldi depositati al suo interno. Il tipico tasso di interesse sui conti correnti parte dal 0.01 e varia poi a seconda della banca e del prodotto. I tassi non possono neanche essere comparati a quelli dei normali conti deposito che arrivano ad avere anche tassi sui soldi depositati e vincolati per più di 24 mesi anche al 2% di interessi. Normalmente i conti correnti hanno una giacenze media inferiore a quella dei conti deposito.

 

Spese varie

Molti conti correnti hanno inoltre diverse spese addizionali da considerare, come la spese di aperture e chiusura, anche se sono dei costi che ormai quasi tutte le banche hanno eliminato. Più popolare è il costo mensile del quale abbiamo parlato prima.

Oltre a questo bisogna leggersi bene il foglio informativo dove ci son specificati i seguenti importanti costi:

  • costi bonifici
  • costi prelievi su bancomat di altre banche
  • costi ricezione estratto conto cartaceo
  • costi per operazioni agli sportelli o massimo numero di operazioni effettuabili gratuitamente.

I costi per i bonifici (quando non gratuiti) variano da 0.50 centesimi di euro a 2 o 3 euro. Gli internazionali possono arrivare a costare anche 10/12 euro.

Per il prelievo presso istituti dello stesso circuito si può arrivare a spendere 2 o 3 euro. Questi costi aumentano su prelievi effettuati all’estero.

Conti Correnti Vs Conti Deposito

I conti correnti bancari sono più accessibili che i conti deposito, che sono studiati per depositare i propri risparmi per un arco temporale medio lungo. I soldi depositati nei conti deposito non possono essere utilizzati per effettuare dei pagamenti e non possono essere neanche spostati nel caso di importi vincolati per dei periodi temporali prestabiliti.

Di solito si utilizza il conto corrente per la propria gestione finanziaria quotidiana e il conto deposito per spostare dei soldi che si ipotizza non vengano usati nel breve termine per coprire delle spese imminenti.

Se state cercando dei tassi di interesse, la comparazione tra conti correnti e conti deposito va a vantaggio di questi ultimi, con tassi nettamente superiori ai primi e che possono arrivare fino al 2% in questo periodo. I conti deposito in questo caso sono molto più efficienti.

 

Cosa serve per aprire un conto corrente bancario

Prima di aprire un conto corrente, dovresti innanzi tutto capire il tuo stato finanziario e le tue necessità. Quante volte alla settimana userai la carta di debito bancomat, se avrai bisogno di un libretto di assegni, se dovrai effettuare dei bonifici, quante volte avrai bisogno di prelevare e che importi ti serviranno, quante volte riceverai dei pagamenti sul conto, quale sarà la tua giacenza media.

La risposta a tutte queste domande ti aiuterà a trovare il giusto conto corrente per te e a massimizzare la tua esperienza e le tue spese.

Quando avrai scelto il tuo conto, puoi richiedere l’apertura direttamente in un qualsiasi sportello bancario o online, sulla base del conto corrente che avrai scelto. Per l’apertura ti serviranno i tuoi dati anagrafici, la tua tessera sanitaria e la tua carta d’identità o un qualsiasi altro documento valido.

Dopo questo potrai effettuare il tuo primo deposito che sancirà in molti casi la reale apertura del tuo conto!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *