Carta prepagata aziendale con IBAN

Se abbiamo un’attività, sappiamo quanto è importante scegliere la migliore carta prepagata aziendale con IBAN perché il nostro business funzioni. Infatti questo tipo di carte, dette carte conto aziendali, sono molto utili sia alle aziende che ai professionisti per gestire in modo semplice i pagamenti, risparmiando tempo e quindi anche denaro.

Pensiamo alla situazione di chi è un freelance oppure lavora con partita IVA: con la carta aziendale è possibile controllare le spese effettuate e ricevere i pagamenti, attraverso l’IBAN, direttamente sulla carta conto. Inoltre, in caso di trasferte all’estero, la carta è utile per pagare in valuta con delle buone tariffe.

carta prepagata aziendale

Nel caso in cui invece la situazione sia quella di una startup oppure di una piccola media impresa(come una srl, sas o una snc), una carta prepagata business è importante perché permette di gestire i flussi di pagamenti in uscita, diminuendo anche il tempo necessario alla gestione della contabilità e eliminando o almeno diminuendo l’utilizzo del denaro contante e degli assegni. 

Vediamo allora di stilare una classifica che comprenda le migliori carte aziendali online: queste carte hanno una procedura di attivazione semplice e sono studiate per le imprese e le persone giuridiche in generale. Nella classifica metteremo a confronto le varie caratteristiche della carte: costi, vantaggi, offerte, per potere scegliere quella più adatta alla nostra attività.

Migliori carte prepagate aziendali con IBAN

Qonto

carta prepagata aziendale qonto con iban

Qonto offre 3 carte prepagate aziendali per rispondere alle esigenze di ogni business: la carta One, la carta Plus e la carta X

Vediamo prima di tutto le caratteristiche più rilevanti della carta di debito aziendale Qonto one:

  • Canone mensile: primo mese gratuito poi da 9€ al mese;
  • Limiti di pagamento: fino a 20.000€ al mese;
  • Limite di prelievo in contanti: fino a 1.000€ al mese.

Uno dei vantaggi di questa carta aziendale è che, la carta One è disponibile anche in versione virtuale. Immediatamente disponibile dal momento della richiesta e utilizzabile per tutti i pagamenti online.

La carta di debito aziendale Plus, offre una flessibilità maggiore nella gestione finanziaria aziendale:

  • Canone mensile: 6€ il primo mese, poi da 15€ al mese;
  • Limiti di pagamento: fino a 40.000€ al mese;
  • Limite di prelievo in contanti: fino a 2.000€ al mese.

Infine, la carta X – la prima carta di metallo ideata per il business – combina massima flessibilità con design e vantaggi esclusivi:

  • Canone mensile: 20€ il primo mese, poi da 29€ al mese;
  • Limiti di pagamento: fino a 60.000€ al mese;
  • Limite di prelievo in contanti: fino a 3.000€ al mese;
  • Prelievi gratuiti illimitati;
  • 0 commissioni sui pagamenti anche fuori dalla zona euro;
  • Servizio di concierge;
  • Accesso alle sale VIP aeroportuali.

Qonto non offre solamente per essere una carta prepagata aziendale: ma anche un conto corrente business caratterizzato da un codice IBAN italiano. Al conto è possibile associare una più carte di debito Mastercard aziendali, scegliendo tra le opzioni sopra descritte.

Qonto è un’ottima soluzione per gestire le diverse finanze dell’azienda, sia tramite un’applicazione utilizzabile dal web, sia attraverso un’appper device mobili: tramite questo strumento è possibile creare e controllare le carte di debito (sia quelle fisiche che quelle virtuali), definendo per ognuna il titolare (amministratore o collaboratore/dipendente), i permessi e i limiti (importo di spesa mensile massimo, limite di prelievo, possibilità di pagamento all’estero…), caricare con una semplice foto scontrini e giustificativi di spesa, monitorare i movimenti e disporre addebiti diretti e bonifici (anche multipli, ad esempio per disporre il pagamento dello stipendio ai dipendenti).

La soluzione offerta da Qonto è ottimale proprio perché studiata su misura per le aziende: si tratta di una fra le migliori carte business, anche perché permette di collegare il conto al proprio software CRM, utilizzato per gestire la contabilità aziendale (almeno per quel che riguarda i programmi più diffusi) e anche fornire al commercialista un accesso diretto, in modo che possa procedere più rapidamente alla gestione della contabilità e all’adempimento degli obblighi fiscali.

Qonto offre un servizio di conto con codice IBAN aziendale riservato a:

  • società ss, srl, srls, spa, snc, sas, sapa;
  • ditte individuali;
  • liberi professionisti;
  • lavoratori autonomi;
  • freelance.

Attivare Qonto è molto semplice: la procedura è completamente online e prevede anche un periodo di prova di 30 giorni. Il costo base è di 9 euro al mese ed è possibile scegliere fra tre piani tariffari diversi. Ogni piano Qonto include anche:

  • una copertura assicurativa sulle spese effettuate con carta;
  • un certo numero di bonifici gratuiti ogni mese (da 20 a 500 a seconda del conto);
  • commissioni in valuta estera molto convenienti, comprese tra 0 e 2%.

Per approfondire le caratteristiche della carta business prepagata Qonto è possibile fare riferimento alla recensione approfondita che abbiamo dedicato a questo servizio.

Revolut Business

Vediamo le caratteristiche principale della carta conto aziendale Revolut Business:

  • Canone mensile: da 0€;
  • IBAN: inglese (UK);
  • Limiti di pagamento: fino a 100.000€ al mese.

Fra le offerte relative alle carte conto aziendali, molto interessante è anche la soluzione proposta da Revolut Business: si tratta di una carta conto pensata soprattutto per i professionisti e le aziende che operano a livello internazionali. Infatti questa carta conto prevede la possibilità di conservare denaro al suo interno in 30 valute e costi agevolati per la disposizione di bonifici in diverse valute:

  • sterline;
  • euro;
  • zloty polacchi;
  • corone danesi.

Si tratta di una piattaforma assolutamente completa che permette una gestione puntuale del conto e delle spese: è infatti possibile controllare le spese dei dipendenti (che possono anche essere autorizzate singolarmente), pagare fatture e stipendi (anche multipli), impostare dei pagamenti ricorrenti (come quelli per servizi o per pagamento utenze). Per fare tutte queste operazioni si può utilizzare sia l’apposita app dedicata tramite smartphone sia il sito web, con il sistema di home banking.

Come abbiamo visto per Qonto, l’offerta di Revolut Business è quella di una carta prepagata aziendale riservata a:

  • persone giuridiche;
  • società di capitali (spa, srl, srls);
  • imprese individuali;
  • liberi professionisti con partita IVA.

Per quel che riguarda il costo, il conto business Revolut parte da 0 euro mensili: sono poi previsti bene 6 piani di abbonamento fra cui scegliere (4 sono dedicati alle società, due ai liberi professionisti e ai freelance). Revolut Business non ha un IBAN italiano e non prevede nessuna polizza di assicurazione, ma, d’altra parte offre zero commissioni per le operazioni in valuta estera e un massimale di utilizzo molto elevato. Ai conti Revolut Business vengono abbinate carte prepagate sia del circuito Mastercard che di quello Visa.

Possiamo scoprire i dettagli di questa offerta nella nostra guida dedicata a Revolut Business.

N26 Business

Vediamo le caratteristiche più importanti della carta conto aziendale N26:

  • Canone mensile: da 0€;
  • IBAN: italiano;
  • Limiti di pagamento: nessuno.

L’offerta di banca N26 per quel che riguarda il ramo business è N26 Business, studiata per i freelance e i lavoratori a partita IVA. Questo conto carta offre dei vantaggi importanti soprattutto per quel che riguarda i costi relativi alla gestione del conto e le spese. Attenzione: non si tratta però di una soluzione adeguata in caso di società o persone giuridiche. Attualmente offre una carta conto con codice IBAN italiano.

Fra le caratteristiche più importanti di N26 Business c’è il fatto di essere una carta prepagata completamente gratuita, comprese le spese di gestione. Scegliendo questa soluzione si dispone di un conto online che si può gestire direttamente dall’app dedicata per device mobile e una carta fisica, operante sul circuito Mastercard, da utilizzare per le spese legate all’attività.

Attenzione: almeno fino a questo momento non si possono avere due conti N26 contemporaneamente (uno di tipo Business e uno di tipo personale). Diventa quindi necessario scegliere prima quale tipo di conto aprire.

Imbattibile l’offerta di N26 Business sotto l’aspetto dei costi: è infatti possibile effettuare pagamenti, sia online che in negozi fisici, senza commissioni, anche pagando in valuta estera. Anche il prelievo presso qualsiasi sportello AMT dell’area euro è gratuito.

Sono previsti come gratuiti anche i bonifici SEPA istantanei ed è possibile utilizzare il conto carta N26 Business anche per disporre bonifici internazionali: infatti viene utilizzato il servizio Transfer Wise che permette di trasferire denaro pagando il tasso di cambio medio previsto dal mercato, senza prevedere il pagamento di costi per commissioni.

Interessante anche il meccanismo di cashback legato a ogni acquisto effettuato con la carta aziendale Mastercard N26 Business, per cui viene accreditato mensilmente una cifra pari allo 0,1% di quanto speso.

Inoltre questa soluzione permette di aggiungere una carta extra e anche una polizza assicurativa completa per le trasferte di lavoro: per farlo bisogna scegliere l’opzione N26 Business You, che ha il costo di 9,90 euro al mese.

Per maggiori informazioni e approfondimenti è possibile leggere la nostra recensione aggiornata su N26.

Monese Business

Vediamo le caratteristiche principali della carta conto Monese:

  • Canone mensile: 9,95£;
  • IBAN: inglese  (UK);
  • Limiti di pagamento: 10.000£ a transazione ( per un massimo di 20.000£ al mese).

La carta conto Monese è una soluzione studiata per tutti i professionisti che operano fra il Regno Unito e un altro paese in Europa. Si tratta di una possibilità molto interessante di carta conto dotata di IBAN, da prendere in considerazione se il nostro business si svolge fra l’Inghilterra e l’Italia.

Per il momento il conto Monese Business è regolato in sterline (anche se la società sta lavorando per offrire anche un conto in euro) e ha un codice IBAN del Regno Unito.

Per il momento viene offerto da Monese una sola tipologia di carta conto business, con l’abbinamento di una carta di credito al prezzo di 9,95 sterline al mese. Questo potrebbe sembrare un limite, anche se in realtà apre delle possibilità interessanti.

Infatti, attraverso questo sistema diventa possibile gestire la carta aziendale Monese Business legata al conto corrente Monese Plus utilizzando una singola app: questo vuol dire avere due conti distinti (non come accade, per esempio, con N26 Business) e quindi anche due carte di credito prepagate con codici IBAN diversi fra loro, in modo da tenere distinte fra loro, in modo semplice, le spese personali da quelle legate all’azienda.

Per quel che riguarda i costi la carta conto business  Monese non ha delle commissioni per l’esecuzione dei bonifici nazionali e prevede dei tassi a un cambio agevolato rispetto alla valuta sterlina. La carta prepagata del circuito Mastercard che viene abbinata al conto dell’azienda è dotata di tecnologia contactless e, quando utilizzate nei paesi del Regno unito, permette il deposito di somme in contanti presso gli sportelli ATM abilitati al servizio. 

Inoltre la carta conto Business di Monese prevede anche di poter effettuare ben 6 prelievi al mese gratis, con una somma massima da prelevare di 800 euro (che va divisa fra il conto aziendale e quello personale). Questa soluzione è stata studiata soprattutto per professionisti che operano con partita IVA e freelance, mentre è poco indicata in caso di aziende e società di capitali.

Se vuoi maggiori informazioni le potrai trovare nella recensione dedicata al servizio Monese.

PostePay Evolution Business

Vediamo le caratteristiche principali della carta prepagata PostePay Evolution Business:

  • Canone annuo: 30€ il primo anno, 60€ dal secondo (può essere azzerato);
  • IBAN: italiano;
  • Limiti di pagamento: 3.500€ giornalieri, 10.000€ totali al mese.

PostePay Evolution Business è la soluzione proposta da Poste Italiane per la gestione delle spese di professionisti a partita IVA e imprese individuali. Si tratta di una carta del circuito Mastercard che può essere utilizzata per le spese legate alla professione, per la ricezione dei pagamenti e che consente di utilizzare un’apposita app per controllare i movimenti.

Attraverso la carta PostePay Evolution Business possiamo anche pagare i bollettini postali: inoltre la carta dispone di un plafond di ben 200.000 euro, che può rivelarsi una caratteristica importante per la gestione di un’attività professionale.

Attivare una carta PostePay Evolution Business è molto semplice: basta andare presso un ufficio postale, dove dovremmo pagare 10 euro. Non è possibile effettuare una procedura di attivazione online, come visto per altre carte, ma di contro la carta PostePay è immediatamente utilizzabile. Per quel che riguarda i costi e le commissioni, in questo caso sono un po’ più care rispetto alla concorrenza:

  • costo fisso di 60€ l’anno (azzerabili se attivi un POS Tandem per la tua azienda);
  • commissione di 1€ per ogni bonifico;
  • commissioni di 2€ per il prelievo da ATM tradizionali in territorio italiano;
  • commissione di 1,50% per pagamenti effettuati in valuta estera (diversa dall’euro).

Per avere più informazioni sulla PostePay Evolution Business si può fare riferimento alla recensione completa sul servizio. 

ViaBuy Business

Vediamo le caratteristiche principali di ViaBuy Business:

  • Canone annuo: 19,90€;
  • IBAN: straniero;
  • Limiti di pagamento: nessuno.

ViaBuy rappresenta una soluzione particolare: una carta prepagata dotata di codice IBAN che viene fornita senza dover necessariamente dimostrare di disporre di un reddito e sottoporsi a controlli relativi al merito creditizio.

La carta prepagata ViaBuy Business è una carta aziendale del circuito mastercard, ma non ha un conto collegato. Si tratta di una soluzione semplice ed essenziale: si tratta di una carta ricaricabile da utilizzare per le spese legate all’attività professionale o per quelle effettuate dai dipendenti di un’azenda.

Per quel che riguarda i costi, la carta ViaBuy Business ha un costo pari a 69,90 euro, oltre a cui va aggiunto un canone annuo di 19,90 euro. Questa carta può essere richiesta da:

  • persone giuridiche;
  • società di capitali;
  • professionisti che operano con partita IVA.

Il procedimento di ricarica della carta è molto semplice perché può essere effettuato sia tramite bonifico bancario che per contanti. In qualunque modo sia effettuata la ricarica è gratuita, mentre a pagamento sono altre operazioni effettuate con la carta ViaBuy, come:

  • prelievo al bancomat: 5€;
  • pagamenti in valuta estera: 2,75% di commissioni sull’importo.

C’è la possibilità di richiedere anche tre carte ViaBuy Business per ogni singolo conto aperto: le carte vengono emesse gratis, ma per ognuna bisogna pagare un canone annuo di 14,90 euro. Fra i vantaggi di questa soluzione c’è la possibilità di utilizzare la carta ViaBuy Business dotata di IBAN senza limiti di spesa. 

Questa carta può essere richiesta anche se non si dispone di un reddito dimostrabile o di controlli creditizi e permette quindi di mantenere un certo livello di anonimato e privacy. Se però si vuole accedere a massimali di spesa alti diventa necessario verificare la propria identità attraverso l’invio di documenti personali.

La recensione dedicata a ViaBuy permette di approfondire i servizi offerti e le caratteristiche della carta.